xPista ciclopedonale Soraga Fassa.jpg.pagespeed.ic.JkJsySu6qL

http://www.fassa.com/IT/Pista-ciclabile-delle-Dolomiti-di-Fiemme-e-Fassa/

La pista ciclabile delle Dolomiti

La Val di Fiemme, è attraversata dalla Pista Ciclabile delle Dolomiti che la collega con la Val di Fassa fra prati, ruscelli e masi di montagna. Con un dislivello di circa 650 metri, si possono percorrere 48 km, da Molina di Fiemme fino a Canazei. Noi percorreremo il percorso inverso da Canazei a Molina di Fiemme, quindi in discesa con pendenza costante. ,

Il percorso ciclabile è tranquillo e panoramico e permette ai ciclisti di attraversare i paesaggi dolomitici meravigliandosi ad ogni angolo. Il tracciato segue il corso del torrente Avisio restando spesso in mezzo al bosco, al riparo dal caldo sole estivo

.

Programma:

  • Partenza alle ore 5,30 in pullman, a S.Anna di Piove (parcheggio in Via Parini vicino alle Scuole Superiori) – sosta a Voltabarozzo di Padova - parcheggio di Via Balestra ( ore 5,45)
  • Verso le ore 10,15 arrivo a Alba di Canazei – partenza con le bici verso ore 10,30- 10.45).
  • Sosta pranzo durante il percorso
  • Sosta, durante il percorso, in alcuni borghi caratteristici della vallata
  • Vero le ore 16,00 arrivo a Molina di Fiemme – se restiamo dentro nei tempi previsti per l’orario di ritorno facciamo una visita al Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme
  • Ore 17,00 circa partenza per il rientro a casa – arrivo a Piove di Sacco verso le ore 21,00 circa.
  • Il percorso complessivo in bicicletta è di 48 km..

Costi:

  • Euro 37,00 per i soci – 39,00 o per i non soci

Comprendono: viaggio in pullman, noleggio bici, assicurazione, servizio guida, - Non comprendono il pranzo a sacco e l’eventuale biglietto di ingresso al Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme.

Le bici a noleggio sono fornite da GiroLibero

Abbigliamento: è consigliato un abbigliamento sportivo con scarpe da tennis o scarponcini, kyay

E’ consigliato il caschetto – obbligatorio per i minori.

Adesione:   è confermata con il versamento dell’acconto di 20,00 euro anche tramite bonifico bancario al Circolo Legambiente Aps di Piove di Sacco presso la Banca Patavina – Agenzia di Arzergrande codice IBAN IT 26 E 08728 62360 000000014162

  • In sede, Via Castello, 12 a Piove di Sacco, ogni martedì sera dopo le ore 21.00
  • Maurizio al cell. 340-4881745

ORGANIZZAZIONE TECNICA: AGENZIA BROCADELLO VIAGGI DI PIOVE DI SACCO (PD)   tel. 049/9701067

Rifugio Brentari costruzioni

Escursione nella catena del Lagorai – Cima d’Asta –Rifugio  Brentari  22/23 luglio 2017

E' una delle più classiche e frequentate escursioni della catena del Lagorai Cima d'Asta, il gruppo montuoso che fa da cuscinetto tra le prealpi Venete e le Dolomiti, a nord della grande frattura geologica della "Faglia della Valsugana. Le panoramiche, sia dal rifugio che, naturalmente, dalla cima, sono meravigliose..  Ai piedi della vetta più alta del Lagorai e ai margini di un laghetto alpino tra i più profondi d’Europa, si trova- il Rifugio Cima d’Asta Ottone Brentari. Questo Rifugio è stato il primo (e per tanti anni l’unico) su questo gruppo montuoso che è il più esteso del Trentino.. Questo è il punto di partenza per l’ascensione a Cima d’Asta, ma solo le acque turchesi e trasparenti del laghetto meritano una visita

Programma:

Sabato 22:

Partenza: alle ore 06.00 (puntuali), in pullman, a S.Anna di Piove (parcheggio in Via Parini vicino alle Scuole Superiori) –  sosta a Voltabarozzo di Padova - parcheggio di Via Balestra ( ore 6,15)

Partenza del giro dal Campeggio della Val Malene (comune di Pieve Tesino) - 1.100 mt su una stradina verso nord risalendo il torrente Tolvà sino ad arrivare all’omonima malga (abbandonata) e si prosegue – salendo lentamente - sino lungo il sentiero 338 raggiungendo la forcella di Val Regana (2047 m). A questo punto si segue il sentiero Giuseppina Negrelli verso ovest che risale un canalone sino ad un passo da cui si scende velocemente al rifugio Brentari (2473 m). [4,5 ore + le soste]

Dislivello: in salita 1373 mt

Domenica 23:

Il secondo giorno dal Rifugio chi vuole può salire alla Cima d’Asta (2847 m) per scendere poi sul sentiero 364 (oppure il sentiero Negrelli dell’andata) sino alla forcella di Val Regada per continuare verso nord lungo la Val Regada seguendo l’alveo del torrente sino a giungere a Ponte Serrai (tra il rifugio Refavaie e Caoria di dentro – Canale S.Bovo) poi andiamo a Caoria dove troveremo il pullman a prelevarci. [4-5 ore + le soste – per chi sale alla Cima d’Asta 7 ore)]

Dislivello: in salita per chi va alla Cima d’Asta 374

Dislivello in discesa: per chi sale alla Cima d’Asta 1897 mt

Dislivello in discesa per chi parte dal Rifugio Brentari 1523 mt

Difficolta: media

Costi:

  • Euro 93,00 soci - Euro 103,00 per i non soci

Comprendono: pullman, pernottamento, cena (no bevande), colazione, assicurazione con l’Europ Assistence. Non sono compresi i due pranzi a sacco di sabato e domenica. .

Abbigliamento (OBBLIGATORIO):

Scarponi da trekking , protezione dalla pioggia (K.way, mantellina),acqua e alimenti adeguati all’escursione, sacco lenzuola e ciabatte.

Consigliato: - Bastoncini, pile, giacca a vento, indumenti di ricambio, crema solare, cappellino, pantaloni lunghi;

Posti disponibili: 36

In sede, Via Castello, 12 a Piove di Sacco, ogni martedì sera dopo le ore 21.00.

  • Maurizio cell. 340-4881745 email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L’adesione è ritenuta confermata solo a seguito del versamento dell’acconto pari a 40,00 euro, anche tramite bonifico bancario al Circolo Legambiente Aps di Piove di Sacco presso la Banca Patavina – Agenzia di Arzergrande codice IBAN IT 26 E 08728 62360 000000014162.

“Non si può restare sempre sulle vette, bisogna ridiscendere, a che pro allora? Ecco: l’alto conosce il basso, il basso non conosce l’alto”. Si sale si vede. Si ridiscende, non si vede più; ma si è visto. Monte Analogo di René Doumal

ORGANIZZAZIONE TECNICA: AGENZIA BROCADELLO VIAGGI DI PIOVE DI SACCO (PD)   tel. 049/9701067

I colli tortonesi e l’Appennino Piemontese– Ligure

DSC 0310

Due giornate magnifiche Sui dolci rilievi collinari del Tortonese, nelle terre del Campionissimo di ciclismo Fausto Coppi, un tranquillo percorso tra sentieri e carrarecce, attraversando dolci colline, campi coltivati, vigneti e boschi misti, fino a raggiungere nella seconda giornata, l’Appennino Piemontese-Ligure con la magia delle suoi affascinanti rilievi.

 

Programma

Sabato 23 settembre:

Partenza alle ore 05.30 in pullman, a S.Anna di Piove di Sacco (parcheggio in Via Parini vicino alle Scuole Superiori) – sosta a Voltabarozzo di Padova - parcheggio di Via Balestra ( ore 5,45) arrivo verso le ore 10,00 a Ritrovo uscita autostrada Tortona ore 10/10,15 Proseguimento per la valle Ossona (AL).

Dal piazzale della chiesa di Costa Vescovato (m. 266 s.l.m.), si segue la strada asfaltata in direzione Castellania, fino ad imboccare il primo bivio a destra tra le case e procedendo su una strada di campagna incontrando dopo circa 300 m, una strada inghiaiata che proviene dalla cascina Montesoro sede di un valido agriturismo. Girando a sinistra lungo la strada si incrocia dopo pochi minuti la strada asfaltata della Provinciale Castellania-Tortona che si segue tenendo la destra per poche centinaia di metri per deviare poi a sinistra lungo una ripida stradina di campagna tra i vigneti. Il percorso sale via via di quota fiancheggiando un ripido calanco fino ad attraversare l’area di una antica cava di gesso, si prosegue in leggera salita fino a raggiungere il crinale dove incontriamo alla nostra destra la chiesetta di San Biagio (m. 407 s.l.m.).

Il tracciato continua su sterrato mantenendo la linea del crinale collinare sino ad incrociare la strada asfaltata Castellania - Sant’Alosio, percorsa la quale per un brevissimo tratto si devia verso sinistra in prossimità di un’area attrezzata. Si avanza su una pista forestale all’interno di un bosco risalendo ulteriormente la collina verso la sua sommità.

Di seguito il percorso inizia a scendere passando a mezzacosta sotto uno sperone roccioso sul cui versante a Sud è collocata la frazione di Sant’Alosio (m. 509 s.l.m.) con le sue antiche torri medioevali. Giunti alla frazione di Sant’Alosio, si raggiungono le torri in pochi minuti, risalendo un ripido sentiero.

Dalle Torri, il tracciato scende decisamente fino a congiungersi con una strada asfaltata che proviene dall’abitato di Sant’Alosio e lungo la quale si sviluppa il resto del percorso.

Si attraversa il piccolo nucleo di case e si prosegue su strada asfaltata per circa 2 km, fino a

giungere a Castellania, meta della nostra passeggiata.

Pomeriggio visita alla casa natale di Fausto Coppi.

Verso le 17,00 partenza in pullman per le Colonie Provinciali di Caldirola nella val Curone a mt 1100 slm

Pranzo a sacco.

Lunghezza del percorso: 10 km – dislivello 400 mt.

Domenica 24 settembre:

Partenza Ore 8,15 colazione

Partenza dalla Colonia di Caldirola, il sentiero segue in salita la pista da sci che in circa 1 ora ci conduce al Monte Gropà m 1446 slm, proseguiamo su crinale in direzione Nord fino a raggiungere la vetta del Monte Giarolo m 1474 slm, simbolo delle valli attigue e meraviglioso punto panoramico a 360°. Da questa balconata naturale, nelle giornate limpide, la vista spazia a trecentosessanta gradi, dai principali rilievi dell’arco alpino, alla Pianura Padana, fino alle acque del Mar ligure. Per la sua impareggiabile posizione panoramica, Il Monte Giarolo appare come il simbolo di un sistema orografico piuttosto articolato che ha nei Monti Ebro e Chiappo le cime più elevate (m 1700 s.l.m.).

Lasciato il Monte Giarolo, avanziamo in discesa in direzione ovest, attraversando bellissime pinete, fino a raggiungere la bellissima radura del Rifugio San Lorenzo m 1100 slm.

Pranzo al sacco e volendo acquisti di prodotti locali.

Nel pomeriggio, proseguiamo l’escursione addentrandoci in immense faggete, incontrando faggi secolari e boschi di una bellezza incomparabile. Il dislivello è molto basso e ci accompagna in circa 1 ora e 30 al punto di partenza dell’uscita, il paese di Caldirola dove troveremo il pullman.

Pranzo a sacco presso il Rifugio.

Totale km circa 14 dislivello m 450

Ore 16,00 ca partenza per il rientro

 

Costi: 87,00    euro per i soci - 95,00 euro per i non soci - comprendono: il viaggio in pullman, il pernottamento a mezza pensione (comprese le bevande),   1 pranzo a sacco (per domenica 24) , i servizi guida, l’assicurazione. Non è compreso il pranzo a sacco di sabato 23,

Pernottamento: presso la Colonia Provinciale di Caldirola in camere da 4/6/8 posti - Bisogna portare. sacco lenzuola o sacco a pelo e asciugamani

Servizio Guida: Associazione La Pietra Verde

Anticipo: l’adesione è confermata solo a seguito del versamento della somma di euro 50,00 cadauno anche tramite bonifico bancario al: Circolo Legambiente Aps di Piove di Sacco presso la Banca Patavina i– Agenzia di Arzergrande codice IBAN IT 26 E 08728 62360 000000014162.

Abbigliamento: sportivo, per le escursioni sono obbligatori scarponcini o scarpe da trekking (controllare le suole) – giacca a vento e/o mantella

Adesioni e informazioni:

In sede – Via Castello 12 - Piove di Sacco - ogni martedì sera dopo le ore 21.00

  • Maurizio al cell. 340-4881745 - Tramite e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Viaggiare è camminare verso l'orizzonte, incontrare l'altro, conoscere, scoprire e tornare più ricchi di quando si era iniziato il cammino. (Luis Sepúlveda)

ORGANIZZAZIONE TECNICA:

AGENZIA BROCADELLO VIAGGI DI PIOVE DI SACCO (PD)   tel. 049/9701067

 

Fausto Coppi

Soprannominato il Campionissimo o l’Airone per le sue gambe lunghe, fu il corridore più vincente e famoso dell’epoca d’oro del ciclismo, è considerato uno dei più grandi e popolari atleti di tutti i tempi. Corridore completo e adatto ad ogni tipo di competizioni su strada. Professionista dal 1939 al 1959, vinse cinque volte il Giro d'Italia (1940, 1947, 1949, 1952 e 1953) (record), e due volte il Tour de France (1949 e 1952). Fra i suoi numerosi successi nelle corse in linea vanno ricordate le cinque affermazioni al Giro di Lombardia (1946, 1947, 1948, 1949 e 1954) (record), le tre vittorie alla Milano-Sanremo (1946, 1948 e 1949), e i successi alla Parigi-Roubaix e alla Freccia Vallone nel 1950. Fu Campione del mondo nel 1953. Nel ciclismo su pista, fu Campione del mondo d'inseguimento nel '47 e nel '49 e primatista dell'ora (45,798 km) dal 1942 al 1956.

coppi e bartaliLeggendaria la sua rivalità con Gino Bartali, che divise l'Italia nell'immediato dopoguerra (anche per le presunte diverse posizioni politiche dei due). Celebre nell'immortalare un'intera epoca sportiva tanto da entrare nell'immaginario collettivo degli italiani è la foto che ritrae i due campioni mentre si passano una bottiglietta durante una salita al Tour del '52..

Le sue imprese e le tragiche circostanze della morte ne hanno fatto un'icona della storia sportiva italiana. A oltre cinquant'anni dalla scomparsa, la sua popolarità e fama appaiono immutate.

Il Rifugio Piani di San Lorenzo

Il rifugio Piani di San Lorenzo è di proprietà dell’Associazione Naturalistica Culturale “La Pietra Verde” che utilizza la struttura come circolo affiliato PGS riservato ai soci. Il Rifugio oltre ad offrire servizio di ricettività, bar e camere per il pernottamento, è il quartier generale degli IWE (Istruttori di Walking Ecoconsapevole) riconosciuti a livello Nazionale inseriti nell’Associazione Naturalistica Culturale “La Pietra Verde”. Il Rifugio è posizionato a m 1101 s.l.m. alle pendici del Monte Giarolo sul versante della val Borbera (AL), nel comune di Cantalupo Ligure.

Fiume Adda016http://www.cicloguide.it/item/percorso-della-ciclabile-del-fiume-adda.html (trovate anche la mappa)

La pista ciclabile dell'Adda si sviluppa a sud del lago di Como, nel parco dell'Adda nord e segue costantemente il corso del fiume che, dopo poche centinaia di metri da Lecco, forma il lago di Garlate grazie all'ausilio di una diga. Il corso d'acqua non si ferma però qui: da Calolziocorte dove il fiume ha un alveo ancora piuttosto ampio, l'Adda si incanala rapidamente in un letto più moderato che continua il suo viaggio in direzione degli altri paesi del lecchese costruiti in prossimità delle sue sponde: Olginate, Farnisetta superiore, Airuno, Villa d'Adda, Imbersago, Paderno d'Adda si susseguono uno dopo l'altro alternandosi ai paesaggi tipicamente fluviali. L'Adda cambia poi provincia sconfinando in quella di Monza e Brianza dove si incontrano tre delle quattro centrali idroelettriche storiche ma ancora perfettamente funzionanti. Celebri sono le immagini della Taccani di Trezzo riflessa nelle acque del fiume: https://archeologiaindustriale.net/3808_la-centrale-idroelettrica-taccani-di-trezzo-sull-adda/

Programma:

  • Partenza alle ore 6,00 in pullman, a S.Anna di Piove (parcheggio in Via Parini vicino alle Scuole Superiori) – sosta a Voltabarozzo di Padova - parcheggio di Via Balestra ( ore 6,15)
  • Verso le ore 10,00 partenza da Lecco (località Pescante) dove saranno consegnate le bici. Arrivo previsto a Trezzo d’Adda verso le.13,00-13,30 – sosta pranzo a sacco presso l’oratorio di Trezzo d’Adda – qui consegniamo le biciclette e troveremo il pullman.
  • Ore 14,30 si riparte in bici per Cassano D’Adda dove saranno consegnate le biciclette e dove troveremo il pullman per il rientro.
  • Ore 17,00 circa partenza per il rientro a casa – arrivo a Piove di Sacco verso le ore 20,00 circa.
  • Il percorso complessivo in bicicletta è di 55 km..

Costi:

  • Euro 38,00 per i soci – 40,00 o per i non soci

Comprendono: viaggio in pullman, noleggio bici, assicurazione, servizio guida, contributo Oratio Trezzo D’Adda per sosta pranzoi. - Non comprendono il pranzo a sacco

Le bici a noleggio sono fornite da GiroLibero

Abbigliamento: è consigliato un abbigliamento sportivo con scarpe da tennis o scarponcini, kyay

E’ consigliato il caschetto – obbligatorio per i minori.

Adesione:   è confermata con il versamento dell’acconto di 20,00 euro anche tramite bonifico bancario al Circolo Legambiente Aps di Piove di Sacco presso la Banca Patavina – Agenzia di Arzergrande codice IBAN IT 26 E 08728 62360 000000014162

  • In sede, Via Castello, 12 a Piove di Sacco, ogni martedì sera dopo le ore 21.00
  • Maurizio al cell. 340-4881745

ORGANIZZAZIONE TECNICA: AGENZIA BROCADELLO VIAGGI DI PIOVE DI SACCO (PD)   tel. 049/9701067